Come controllare l’alternatore della moto

La parte fissa dell’alternatore si chiama statore; la parte che ruota si chiama rotore. I sistemi di ricarica, che comprendono lo statore, l’alternatore, la batteria e il regolatore / raddrizzatore della motocicletta, sono il proverbiale figliastro dai capelli rossi della manutenzione della motocicletta. In ogni caso vengono ignorati quando sono buoni, maledetti quando diventano cattivi e, nella migliore delle ipotesi, ricevono solo le cure più riluttanti. Il fatto che la maggior parte dei motociclisti non abbia mai giocato con il proprio sistema di ricarica è una buona cosa, e in effetti, nessuno di noi dovrebbe essere sorpreso da ciò perché, i sistemi di ricarica attuali sono esempi assoluti di affidabilità, in particolare quando rispetto ai loro predecessori.

Componenti del sistema di ricarica della motocicletta

Detto questo, è sempre utile avere una comprensione di come la tua motocicletta e i suoi sottosistemi la fanno funzionare. Quindi, nel tentativo di correggere la situazione, ecco un manuale sui fondamenti del sistema di ricarica per motociclette.

Il sistema di ricarica è costituito da tre componenti principali: la batteria, l’alternatore e il regolatore / raddrizzatore. La batteria della motocicletta immagazzina l’energia elettrica per l’uso e funge da tampone per il sistema elettrico della motocicletta. L’alternatore crea correnti alternate per far funzionare la moto e caricare la batteria. Il regolatore / raddrizzatore cambia, o rettifica, la corrente alternata prodotta dall’alternatore in corrente continua in modo che possa essere immagazzinata nella batteria e regola la quantità di corrente prodotta per evitare il sovraccarico.

Puoi anche considerare il cablaggio che lega tutto insieme, insieme a uno o due fusibili e in alcuni casi un relè, come parte del sistema. Di norma, tutti i sistemi di ricarica per motociclette sono appositamente progettati per fornire una potenza leggermente superiore a quella effettivamente richiesta dalla moto. Ciò fornisce un ulteriore margine di affidabilità e consente di aggiungere alcuni accessori elettrici senza sovraccaricare il sistema di ricarica.

Come funziona il sistema di ricarica della batteria in una moto

Ci sono tre sezioni principali per il sistema di ricarica sulla maggior parte delle motociclette (escluso il cablaggio in mezzo): la batteria, il regolatore / raddrizzatore e lo statore. La batteria serve per alimentare i componenti elettrici della moto quando il motore non è in funzione.

Il compito principale della batteria della motocicletta è quello di avviare la motocicletta e fornire la corrente extra richiesta dalla moto quando l’uscita dell’alternatore è inferiore all’assorbimento di corrente. Questo normalmente accade solo a bassi regimi, quando la richiesta elettrica è alta e la potenza dell’alternatore bassa, come potrebbe essere quando si è bloccati nel traffico lento o si viaggia a bassa velocità.

Il compito dello statore è convertire l’energia meccanica del motore in elettricità. L’uscita dallo statore sulla maggior parte delle moto moderne è corrente alternata trifase (da cui i 3 fili) a una tensione di picco ben superiore alla tensione di 12-14 V CC richiesta dal sistema elettrico.

Il regolatore / raddrizzatore converte la corrente alternata (CA) nella sezione del raddrizzatore a ponte a diodi, quindi regola la tensione per limitarla a circa 14 V CC, dove viene reimmessa nella batteria e alimenta il resto dell’impianto elettrico della moto rispetto alla tensione della batteria in modo che la corrente ritorni dall’unità di regolazione / raddrizzamento alla batteria per caricarla.

Alternatori per moto

Esistono due tipi di dispositivi meccanici utilizzati per creare energia elettrica. Il generatore DC era popolare sulle motociclette sviluppate prima degli anni ’60, prima che venissero aggiunti accessori moderni, come l’avviamento elettrico e gli indicatori di direzione. Le motociclette moderne utilizzano un generatore AC o un alternatore, che produce corrente alternata. Poiché i generatori DC non sono più di uso comune, limiteremo la nostra discussione esclusivamente all’alternatore.

Sebbene ci siano una serie di variazioni sul tema, tutti gli alternatori per moto si riducono a due tipi. Il primo e meno comune è l’alternatore “monoblocco” autonomo di tipo automobilistico, montato esternamente, in cui tutto ciò che serve per creare e regolare l’uscita di corrente è contenuto in un’unica unità. Questi sono tipicamente azionati da ingranaggi o una piccola catena dalla manovella, che consente al produttore di aumentarla o diminuirla come richiesto per ottenere la velocità di rotazione corretta e l’uscita di corrente. Poiché sono il tipo più potente di alternatore, creano anche più calore, motivo per cui sono montati esternamente.

Gli alternatori per moto forniscono alla tua moto l’elettricità di cui ha bisogno per funzionare Tutto il resto ha quello che a volte viene chiamato un alternatore a tre pezzi, i tre pezzi sono il rotore, lo statore e un regolatore / raddrizzatore. Sebbene i componenti funzionino in combinazione tra loro, sono unità autonome che possono essere riparate come tali.

Il rotore è una piccola ruota montata direttamente su un’estremità dell’albero motore. A seconda del tipo di alternatore utilizzato, il rotore può avere piccoli magneti potenti inseriti al suo interno, o meno comunemente una bobina di campo, che viene eccitata da una piccola quantità di corrente per formare un potente elettromagnete. Questi ultimi tipi sono chiamati alternatori “bobina di campo eccitante” e sono disponibili in stili brushless e brushless.

Controlli di tensione

Se si verifica un problema di ricarica, è necessario eseguire alcuni semplici controlli per eliminare alcune cause comuni di bassa potenza del sistema di ricarica. Innanzitutto, utilizzando un multimetro impostato sulla tensione CC, controlla la tensione della batteria attraverso i poli. Se non si dispone di almeno 12,5 volt, installare un caricabatterie e caricare la batteria.

Verificare la corrosione dei poli della batteria e dei terminali dei cavi e pulirli se necessario, utilizzando uno strumento per terminali o una spazzola metallica. Verificare lo stato dei cavi. Cercare la rottura dell’isolamento e controllare l’integrità del collegamento del negativo della batteria al telaio, nonché del collegamento dello statore al regolatore. Assicurarsi che i punti di contatto siano privi di corrosione.

Test statici dello statore

In generale, puoi controllare gli statori dell’alternatore della moto mentre sono installati sulla moto, utilizzando un multimetro di qualità. I test ti aiuteranno a identificare o eliminare lo statore come problema in un problema di ricarica. Poiché il regolatore-raddrizzatore non può essere testato, l’unico modo per identificarlo come cattivo è eliminare prima ogni altra possibilità, quindi controllare lo statore è un passaggio necessario per determinare se si dispone di un regolatore difettoso.

Eseguire prima i test statici dello statore. Con il commutatore di accensione in posizione “Off”, scollegare il regolatore dallo statore. Impostare il multimetro su “Resistenza” o “Ohm” sulla scala più bassa e inserire una sonda in una delle prese del perno dello statore. Mettere in contatto l’altra sonda con la massa del telaio. Se il display mostra qualcosa di diverso da “Open” o il simbolo dell’infinito, e mostra una qualsiasi continuità, allora hai uno statore collegato a terra e devi sostituirlo.

Inserire ciascuna sonda in una presa dello statore. Dovresti leggere circa 0,2-0,5 ohm. Se mostri un circuito aperto con la lettura “Aperto” o infinito o hai una resistenza maggiore, allora lo statore è difettoso e devi sostituirlo. Se questi test producono tutti risultati positivi, lo statore stesso è buono.

Test di output dinamico

Il primo test dinamico consente di controllare il rotore che contiene i magneti e gira attorno allo statore. Eventuali problemi con il rotore causeranno una perdita di potenza. Con il motore acceso e il multimetro impostato per controllare la tensione AC, collegare le sonde alle prese dello statore. Accelerare il motore fino a 3.000 giri / min e leggere il contatore. Se è inferiore a 60 volt, è necessario sostituire il rotore. Ora collega lo statore al regolatore. Imposta il multimetro per controllare gli amplificatori sulla scala più bassa.

Avviare il motore e accendere tutti gli accessori elettrici. Scollegare il cavo negativo della batteria e installare le sonde dello strumento in serie tra il polo negativo della batteria e il terminale del cavo negativo. Se leggi sotto i quattro amplificatori e tutti i controlli precedenti sono buoni, devi sostituire il tuo regolatore-raddrizzatore.

Controlli visivi

Una volta scoperto lo statore, è possibile eseguire un’ispezione visiva. Cerca fili rotti, danni termici o rottura dell’isolamento sulle bobine. Ispezionare le estremità del fuoribordo delle bobine per verificare che siano a contatto con il rotore. Sostituire lo statore se necessario. Prestare particolare attenzione allo statore per i frammenti di magnete e ispezionare attentamente il rotore per i magneti rotti. I magneti di solito non possono essere sostituiti singolarmente, quindi è necessario sostituire il rotore come unità se è danneggiato.

Leave a Reply