Come eliminare l’acqua dal serbatoio della benzina

L’acqua nel serbatoio del carburante di un’automobile è sicuramente un problema che deve essere affrontato immediatamente. L’acqua può entrare nel serbatoio del carburante quando si riempie il serbatoio dalla pompa o dalla condensa all’interno del serbatoio del carburante a causa delle condizioni meteorologiche. Ecco alcuni dei sintomi che potresti riscontrare se c’è acqua nel serbatoio del carburante. Vedremo anche come risolvere questo problema.

Perché i biocarburanti riducono la durata di benzina e gasolio

Oltre a influire negativamente sul risparmio di carburante, l’aggiunta di biocarburanti nel diesel e nella benzina riduce significativamente la loro durata. Mentre il carburante diesel può essere conservato in modo sicuro per un massimo di 90 giorni, la benzina può essere stivata solo per 30 giorni o meno.

In breve, il tuo carburante inizierà a degradarsi e alla fine diventerà inutilizzabile. Quindi, sebbene possa sembrare utile riutilizzare la vecchia benzina, è probabile che il riutilizzo del carburante non trattato sia contro il tuo miglior giudizio. Tuttavia, può ancora esserci speranza per il carburante avariato: ma prima cerchiamo di capire meglio le ragioni di questo rapido deterioramento.

Il carburante etanolo è fortemente soggetto a un fenomeno noto come separazione di fase, che si verifica quando l’acqua entra in contatto con il carburante etanolo. L’etanolo è una sostanza igroscopica, il che significa che è in grado di attirare l’acqua oltre che di assorbirla e trattenerla.

Quando l’acqua nel carburante raggiunge un certo punto di saturazione, dunque, l’etanolo e l’acqua si separeranno in fase, il che significa che l’etanolo si separerà dalla soluzione di carburante e formerà strati nel serbatoio: uno strato superiore di benzina, uno strato lattiginoso di etanolo / acqua, ed a volte un terzo strato di sola acqua.

Ad esempio, se si verifica la separazione di fase nel serbatoio del carburante, inizierai immediatamente a notare problemi con il tuo motore. Non solo la contaminazione dell’acqua può ritardare o impedire completamente il ribaltamento del motore, ma il carburante alimentato dall’acqua influisce drasticamente sul numero di ottani e può effettivamente contribuire a danneggiare il motore.

Come sapere se l’acqua è entrata nel serbatoio del carburante

Forse l’aspetto più frustrante dell’intera debacle è che non puoi davvero impedire all’acqua di entrare nel tuo sistema di alimentazione. L’acqua può entrare nel tuo carburante anche quando meno te lo aspetti; i cambiamenti di temperatura giornalieri e stagionali possono portare alla condensa, che nel tempo può portare a un combustibile a fasi separate.

Il primissimo segnale con cui si può conoscere la presenza di acqua nel serbatoio del gas è il funzionamento instabile del motore a combustione interna, a condizione che tutti i suoi sistemi siano in buono stato. Ciò è particolarmente vero quando l’auto è rimasta ferma per molto tempo. Quando il conducente cerca di avviare il motore in una situazione del genere, l’unità si avvia con difficoltà e si ferma nei primi minuti di funzionamento.

Uno dei sintomi che sperimenterai immediatamente se c’è acqua nel serbatoio del carburante è il problema dell’accelerazione e della cosiddetta “esitazione”. Se hai difficoltà a raggiungere la velocità dell’autostrada ma non c’è niente di sbagliato nel resto del tuo veicolo, dovresti esaminare la possibilità che l’acqua nel tuo serbatoio. Potrebbe esserci dell’acqua nel serbatoio del carburante.

Potresti anche sperimentare cambi di velocità improvvisi e volatili, senza alcun input da parte tua. Questo può anche assumere la forma di uno sputtering. Se il tuo serbatoio è pieno e la tua auto continua a scoppiettare quando premi il pedale dell’acceleratore, questo potrebbe indicare semplicemente del carburante contaminato dall’acqua.

Come risolvere il problema dell’acqua nel tuo serbatoio del carburante

Esistono due modi per rimuovere il liquido indesiderato dal serbatoio del gas di un’auto:

  • Con l’aiuto di mezzi improvvisati e rimozione del serbatoio;
  • Con l’aiuto della chimica dell’auto.

Nel primo caso, puoi rimuovere il serbatoio e svuotare tutto il suo contenuto. Poiché l’acqua sarà sul fondo, la parte liquida superiore può essere riutilizzata e il resto dovrà essere rimosso. Naturalmente, questo metodo è il più dispendioso in termini di tempo, poiché richiede tempo sufficiente. Ma smontando il serbatoio, puoi essere sicuro al 100% che non sia rimasta acqua al suo interno.

Un altro metodo è scaricare l’intero contenuto del serbatoio senza smontarlo. Per fare questo, puoi usare un tubo e un contenitore. Questa può sembrare un’alternativa costosa ad alcuni proprietari; tuttavia, il danno che eviterai alla tua auto ne varrà la pena.

Il terzo metodo di rimozione meccanica dell’umidità è adatto per i veicoli a iniezione. Innanzitutto, scolleghiamo il tubo del carburante che esce dalla pompa, colleghiamo un altro analogo al raccordo. Posiziona il bordo libero in una bottiglia o in un altro contenitore. Quando la chiave viene girata nel blocchetto di accensione, la pompa inizia a pompare liquido. Dato che l’acqua si trova sul fondo della vasca, verrà rimossa abbastanza rapidamente.

Vi sono inoltre additivi per carburante fatti per rimuovere l’acqua dal serbatoio del carburante. Tuttavia, se nel serbatoio c’è più acqua che carburante, gli additivi per carburante non funzioneranno. Lo stesso carburante, trattato con un additivo emulsionante, consente all’acqua di essere bruciata, piuttosto che causare danni ai componenti interni.

I comuni additivi per la separazione dell’acqua non riescono ad eliminare l’umidità dalle riserve di carburante, aumentando semplicemente la composizione fisica polarizzante di carburante e acqua. Sebbene questi additivi agiscano per separare le due sostanze, non fanno nulla per far uscire l’acqua dal serbatoio, che in sostanza è la fonte del problema.

Se non si dispone dei mezzi per eseguire questa procedura da soli, vale la pena rivolgersi a un meccanico professionista per eseguire il lavoro. L’acqua in un serbatoio può causare danni per migliaia di euro a un veicolo se non trattata adeguatamente.

Consigli per evitare l’acqua nel carburante

Un consiglio: sebbene possa sembrare allettante fare scorta di benzina mentre è a buon mercato e conservarla per un uso successivo, per favore non farlo. I combustibili miscelati con etanolo e altri biocarburanti sono altamente suscettibili alla degradazione nel tempo (a causa di acqua, fanghi e altri contaminanti), indipendentemente dalla tenuta d’aria del contenitore.

Poiché la benzina ha una densità inferiore rispetto all’acqua, sarà sempre sul fondo del serbatoio. C’è anche un tubo di diramazione della pompa del carburante. Pertanto, anche se c’è ancora abbastanza benzina nel serbatoio, l’acqua verrà aspirata per prima.

Per questo motivo, si consiglia ai conducenti di fare rifornimento non di cinque litri, ma il più possibile. Se in estate l’umidità nel sistema di alimentazione del carburante influisce solo sulle caratteristiche dinamiche del motore, in inverno le goccioline possono cristallizzarsi e bloccare la linea. Se i cristalli sono piccoli, cadranno nel filtro del carburante e, con i loro bordi taglienti, possono lacerare il materiale del filtro.

Il carburante di scarsa qualità è un altro motivo per cui l’umidità può entrare nel serbatoio del gas. Il materiale stesso può essere abbastanza buono, solo a causa della negligenza dei lavoratori, una grande quantità di condensa potrebbe accumularsi nel serbatoio della stazione. Per questo motivo, vale la pena fare rifornimento solo in quelle stazioni di servizio che si sono dimostrate valide.

Leave a Reply