Come frenare in moto con freno anteriore o posteriore

La frenata, come con qualsiasi altra tecnica di guida, è un’abilità appresa. Non è un’abilità naturale, ma qualcosa che viene studiato e messo in pratica. Prima di poter essere certo di fare le cose giuste in una crisi, devi prima imparare le tecniche di frenata adeguate, abbastanza da renderle una risposta istintiva. Sulla base di un’ampia ricerca, circa il 33% di tutti i motociclisti non fa letteralmente nulla in circostanze avverse. Non applica nemmeno i freni! Questo è il risultato del panico che travolge la risposta calma e calcolata del pilota alla crisi. Se, tuttavia, le tue tecniche di frenata di emergenza sono così ben apprese da essere intuitive, lo farai nel modo giusto, indipendentemente dalle circostanze.

Distribuzione del peso, centro di gravità e peso complessivo

La distribuzione del peso, il centro di gravità e il peso complessivo della moto con i fluidi hanno un impatto sul modo in cui la moto reagirà alla frenata. Come abbiamo imparato nella fisica delle scuole superiori, l’inerzia è un fattore importante quando si considera la frenata su una moto.

L’inerzia è definita come un oggetto in movimento rimane in movimento alla stessa velocità e direzione a meno che non venga influenzato da una forza sbilanciata. Questa forza sbilanciata è una combinazione dei freni, dell’attrito dei pneumatici sulla superficie e della direzione in cui viaggiano entrambe le ruote.

I due principali tipi di freno

I tipi di freno fanno la differenza. Sono generalmente suddivisi in due categorie: freni a tamburo e a disco. Tratterò solo brevemente i freni a tamburo poiché sono una tecnologia in sparizione. Il vantaggio più evidente di loro è che non ci sono fluidi da cambiare. Lo svantaggio è che i freni a tamburo sono un sistema completamente chiuso in cui non c’è modo di far fuoriuscire il calore.

La frenata crea calore (l’attrito è la fonte della frenata, l’attrito crea calore). Quanto meglio e più efficienti sono i freni con la dispersione del calore, tanto meglio funzionano in generale. Il calore nei freni crea qualcosa chiamato dissolvenza del freno, poiché il tamburo o il disco diventa più caldo, la potenza di arresto diminuisce.

Questo è il motivo per cui sulle moto con freni a disco dove i dischi sono all’aperto piuttosto che in una camera chiusa, ci sono piccoli fori o addirittura “petali” (forme d’onda all’esterno del disco), per disperdere il calore nel modo più efficiente con la tecnologia ora abbiamo.

Più pistoni nelle pinze dei freni sui freni a disco si traducono anche in una migliore potenza di arresto. Ci sono altre cose nel sistema che possono migliorare la potenza di frenata attraverso aggiornamenti che verranno salvati per un altro argomento.

Differenze di trazione

La guida in diversi elementi e varie superfici può anche avere un impatto sull’efficacia della frenata (per questo articolo, discuteremo le tecniche per la guida su asfalto, poiché la frenata fuoristrada / sterrata e la trazione hanno un concetto leggermente diverso).

Idealmente, la frenata è più efficace quando le gomme sono in linea e la moto è in posizione verticale, tuttavia – le strade sono imprevedibili e devi imparare come gestire la frenata in qualsiasi circostanza e molto sta funzionando dalle basi, pratica e memoria muscolare.

Differenza di carico

Quello che intendo per differenza di carico è la quantità di forza frenante con i freni anteriori e posteriori insieme e individualmente. Quindi forse ti è stato detto che c’era il 70% di potenza frenante nei freni anteriori e il 30% nel posteriore, o il 75% davanti, il 25% dietro.

Ciò può essere vero in una certa misura, a seconda del tipo di freni, del peso, ecc. Come ho già menzionato. Questo rapporto può effettivamente variare a seconda di una varietà di fattori e soprattutto con il trasferimento del peso anteriore e il carico.

In generale, la maggior parte della potenza frenante è nei freni anteriori e può arrivare fino al 100% se il pneumatico posteriore si stacca da terra. Ci sono alcuni fattori che devono essere inseriti nella moto affinché ciò accada, come un cambio di trazione, un improvviso cambio di velocità nel pneumatico posteriore – per esempio – lo slittamento del pneumatico per essere rilasciato improvvisamente che può mettere una persona in un mondo di dolore, quindi non consigliato.

Quando inizi ad applicare i freni anteriori, se fatto correttamente, il peso dovrebbe iniziare a trasferirsi dalla parte posteriore a quella anteriore. Ciò eserciterà pressione sulla sospensione anteriore e aumenterà l’impronta di gomma che attacca il pneumatico alla strada (maggiore area di forza, maggiore attrito, maggiore capacità di frenata).

Quando usare i freni posteriori

Generalmente i freni posteriori vengono utilizzati per ridurre la velocità mentre si procede più lentamente (come un parcheggio o il traffico delle ore di punta) o per impedire alla moto di rotolare indietro su una collina. Ci sono altre applicazioni per i freni posteriori, ma per le informazioni ai principianti, questo è tutto ciò per cui dovresti usarlo – o in combinazione con l’anteriore per rallentare in caso di emergenza.

Se questo è un arresto di emergenza e hai scoperto di aver premuto troppo forte il freno posteriore e questo va in sbandata, non rilasciarlo. Esci dallo slittamento perché se hai bloccato la parte posteriore, ora hai zero potenza di frenata lì e rilasciando il freno farà sì che la ruota passi da zero a troppo, specialmente se la parte posteriore è ad un angolo dalla parte anteriore della motocicletta. Quell’azione improvvisa farà sollevare il motociclista dal sedile davanti alla moto che ora non ha più un motociclista con cui trattenere i freni.

Quando usare i freni anteriori

Generalmente i freni anteriori vengono utilizzati in fase di arresto, il rollio all’indietro su un pendio quando è fermo e la frenata di emergenza. Affinché la frenata si fermi o rallenti, utilizzare il freno anteriore in una compressione graduale e esercitare pressione fino a quando essenzialmente non si può più premere è utilizzare il freno anteriore completo oltre a quello posteriore. Per favore, non prendere l’abitudine di fare affidamento sul tuo freno posteriore solo per fermarti, dato che ora ti stai dando solo una frazione della potenza di frenata di cui potresti aver bisogno.

Se eseguita correttamente, la compressione del freno anteriore dovrebbe trasferire il peso in avanti e aumentare la pressione sul pneumatico anteriore senza che sia necessario il movimento del motociclista. Infatti, si consiglia di mantenere la posizione di guida standard con le ginocchia e le cosce che abbracciano il serbatoio e una parte superiore del corpo rilassata ma ferma.

Se il trasferimento viene eseguito in modo errato e afferri il freno anteriore troppo rapidamente, puoi bloccare la gomma anteriore e non avere la possibilità di guadagnare trazione, qualcosa chiamato pattino del freno anteriore. Per correggere questo problema, rilascia delicatamente e leggermente e riapplica il freno anteriore.

Leave a Reply