Come pulire le cromature di una moto da sporco e ruggine

La cura dei dettagli di una motocicletta è importante per mantenerla in perfette condizioni. Dopo diversi utilizzi o viaggi su strada, le cromature possono diventare sporche. Il lavaggio della motocicletta con acqua e sapone normale o tramite un autolavaggio può lasciare aloni le cromature. Con alcune tecniche, puoi pulire il cromo e avere una finitura di qualità a specchio. In circa 30 minuti, la tua moto brillerà. Dovresti completare questo processo ogni mese, a seconda della quantità di utilizzo della tua motocicletta.

La pulitura del cromo della moto passo per passo

Passo 1

Acquista un lucido per cromo. Questo prodotto manterrà la lucentezza. Inoltre, puoi rimuovere polvere o fango dopo una corsa con uno straccio. La tua moto continuerà a brillare. Alcuni polish possono ripristinare la finitura e proteggere dalle intemperie, altri puliscono anche le cromature di una motocicletta. Questi sono disponibili nei grandi magazzini locali o nei negozi di auto-ricambi.

Passo 2

Usa l’acqua calda per riempire il secchio. Prendi uno straccio umido dall’acqua del secchio. Strizza lo straccio. Elimina fango o sporco in eccesso da ogni parte cromata della motocicletta. Presta molta attenzione alle pieghe intorno al cromo. Rimuovere tutta la sporcizia e ripetere questo passaggio se necessario. Potresti finire con un cromo sporco ma privo di sporco.

Passo 3

Asciugare le cromature della moto con l’asciugamano. Prima di applicare lo smalto o il detergente, è importante che la motocicletta sia asciutta. È possibile asciugare all’aria per circa tre ore, a seconda delle condizioni meteorologiche.

Passo 4

Usa il lucido per cromo sulla motocicletta. Alcuni prodotti possono essere liquidi mentre altri sono una pasta. Usa il tuo secondo straccio, immergi o versa una quantità di smalto di un quarto sullo straccio. Strofina le cromature della motocicletta con un movimento circolare. Ripeti fino a quando tutto il cromo ha una lucentezza di alta qualità.

Perché le motociclette sono così soggette a cromature arrugginite?

Perché la maggior parte delle cromature di una moto è sospesa nella brezza ed è un facile bersaglio per le pietre vaganti che si scheggiano e poi si bagnano nell’acqua, sia da strade bagnate che da un getto d’acqua. Il sale stradale rende la situazione molto, molto peggiore perché accelera il processo di ruggine.

Anche se il cromo potrebbe sembrare un po’ arrugginito, il cromo in realtà non si arrugginisce. Quello che stai vedendo è la ruggine dell’acciaio sotto la cromatura, dove un’imperfezione o scheggiatura nel cromo ha lasciato entrare l’acqua. Il cromo si ossida nel tempo, quindi potrebbe sembrare leggermente opaco se il rivestimento superficiale del produttore è stato lucidato anni, ma non può arrugginire come l’acciaio: questo è uno dei motivi per cui viene utilizzato come rivestimento.

Poiché il cromo è un rivestimento superficiale, c’è così tanto che puoi fare prima di ammettere la sconfitta: non è come un solido scarico in acciaio inossidabile dove puoi lucidare le imperfezioni fino a quando non brilla come nuovo. Tuttavia, se si rileva precocemente la corrosione del cromo, è possibile ridurne al minimo l’aspetto e impedire che peggiori. E puoi proteggere il cromo assicurandoti che il rivestimento superficiale sia in buono stato, strofinandolo leggermente con un lucido per cromo.

Come rimuovere la ruggine dalle cromature

Se sono presenti piccole vaiolature e un po ‘di ruggine leggera, hai la possibilità di salvare la situazione. Se c’è del cromo che si sfalda, è ora di passare all’azione. Ecco la procedura da seguire:

  1. Lavare bene l’area con acqua saponosa. Valuta il danno. Se ci sono fiocchi, vai al punto 4). In caso contrario, passa al 2).
  2. Strofina l’area con un foglio di alluminio da cucina e un po’ d’acqua. Alcune persone giurano di usare la Coca-Cola, ma in realtà è il foglio di alluminio che fa la maggior parte del lavoro avendo abbastanza attrito per creare un po’ di calore che quindi consente una reazione chimica con l’alluminio per abbattere la ruggine (questo appare sul foglio usato come rivestimento scuro).
  3. Strofina delicatamente. La lamina è più morbida del cromo, quindi non dovrebbe graffiare la superficie, ma l’idea è di utilizzare la reazione chimica per pulire la ruggine, non la forza bruta. Se vuoi usare la Coca-Cola (contiene un po’ di acido fosforico, quindi fa qualcosa), ti consigliamo la Diet Coke: è meno appiccicosa.
  4. Risciacquare, pulire e ripetere la fase della pellicola su eventuali pezzi ostinati di vaiolatura.
  5. Utilizzare un lucidante per cromo per portare la superficie a un’elevata lucentezza e proteggerla da ulteriori vaiolature. Non dimenticare che lo strato di cromo è molto sottile, quindi l’uso di lucidanti aggressivi finirà per usurarlo. Se la superficie necessita solo di una lucidatura, uno smalto per cera o un detergente per vetri è il più sicuro.
  6. Se la pulizia e la lucidatura hanno rivelato scheggiature o scaglie di cromo, allora questa è la fine del processo fai-da-te: puoi acquistare vernici cromate, ma non sono all’altezza del vero cromo e usate come ritocco sembrano quello che sono. Le tue uniche opzioni sono quindi rimuovere tutte le cromature e lucidare ciò che è sotto (fattibile per una protezione per poggiapiedi, meno per uno stelo forcella), inviare l’articolo per essere ricromato o acquistarne uno nuovo.
  7. Poiché così tante moto classiche necessitano di parti ricromate, c’è un settore fiorente là fuori. Ma le normative ambientali significano che non è più un’opzione economica ed è spesso più costosa dell’acquisto di una parte di ricambio. Tutto dipende se vuoi mantenere l’originale.

Come è fatto il cromo?

Il cromo è un elemento metallico duro che resiste all’ossidazione e alla corrosione. Quando è molto lucido, brilla come… beh, cromato. Basta uno strato sottile su una superficie metallica per raggiungere tale scopo, solitamente applicato attraverso un processo chiamato “galvanizzazione”.

Questo processo utilizza l’elettricità per trasferire gli ioni metallici da una superficie metallica (l’anodo, in termini elettrici) – come la barra di rame, nichel o cromo – alla parte da placcare (il catodo). Sia l’anodo che il catodo sono sospesi in un serbatoio riempito con una soluzione liquida chiamata elettrolita.

La galvanizzazione di parti e accessori è una serie estremamente complessa di operazioni che include dozzine di passaggi critici. Il raggiungimento dei risultati desiderati richiede una vasta conoscenza metallurgica, anni di esperienza e un controllo completo di tutti i processi.

Per esempio: Le parti devono essere lucidate accuratamente ed essere perfettamente pulite in preparazione alla placcatura. La tensione e l’amperaggio della corrente elettrica devono essere controllati a livelli esatti. Ogni parte da placcare richiede operazioni di placcatura specifiche per ottenere risultati eccellenti, a seconda della sua composizione.

Leave a Reply