Quando devo cambiare il filtro antiparticolato?

Un filtro antiparticolato diesel su un’auto scarsamente revisionata potrebbe guastarsi prima di uno ben mantenuto, generalmente, dovrebbe durare per almeno 150.000 km. Con una cura e una manutenzione adeguate, il filtro antiparticolato (DPF) dovrebbe durare per tutta la vita del veicolo, ma non è sempre così. Durante la pulizia del DPF ci sono segni che i tecnici possono cercare indicanti che il DPF non è più idoneo per la manutenzione, e vi sono anche dei test che possono essere eseguiti sul filtro.

Che cos’è un filtro antiparticolato diesel?

Un filtro antiparticolato diesel, o DPF, è un dispositivo di post-trattamento dei gas di scarico che intrappola il particolato come fuliggine e cenere. I produttori di motori utilizzano i DPF per intrappolare il particolato al fine di soddisfare gli standard sulle emissioni. Un DPF utilizza in genere un substrato costituito da un materiale ceramico formato in una struttura a nido d’ape, con migliaia di micro pori, progettati per catturare il PM e la cenere dal motore in modo da rilasciare uno scarico meno dannoso dal veicolo.

Per ridurre le emissioni dei veicoli diesel, i filtri antiparticolato diesel catturano e immagazzinano la fuliggine di scarico, che deve essere periodicamente bruciata per rigenerare il filtro. Il processo di rigenerazione brucia la fuliggine in eccesso depositata nel filtro, che impedisce l’emissione di gas di scarico nociva e il fumo nero che comunemente vedi emesso dai veicoli diesel durante l’accelerazione.

Per garantire che questo processo continui a funzionare correttamente, va implementato un programma di manutenzione per la pulizia e la manutenzione del DPF. Se non maneggiato con la cura appropriata, non solo il DPF può iniziare a rilasciare particolati nocivi nello scarico del veicolo, ma può causare danni al resto del sistema di post-trattamento e al motore stesso.

Quali sono i sintomi di un filtro antiparticolato diesel bloccato?

Spesso, i filtri antiparticolato diesel bloccati sono causati da brevi viaggi a basse velocità. I veicoli che operano a bassa velocità su viaggi brevi non sono in grado di soddisfare i requisiti per la pulizia del filtro. I DPF possono anche guastarsi a causa della scarsa manutenzione. La durata di un filtro antiparticolato diesel varia in base all’applicazione.

I DPF potrebbero fallire prima se non sono ben manutenuti. Inoltre, il blocco del filtro può essere causato dall’uso del tipo sbagliato di olio, da modifiche delle prestazioni, dall’utilizzo di carburante di bassa qualità o persino dal funzionamento frequente dell’auto con un livello di carburante basso.

Quindi come puoi sapere se il tuo filtro è bloccato? In genere, quando il filtro si ostruisce o si verifica un errore nel sistema, sul cruscotto verrà visualizzata una luce arancione. Questa luce varia in base al produttore. Quando si accende, sai che il tuo filtro è molto probabilmente bloccato e potrebbe essere necessaria una rigenerazione.

Proprio come ci sono due particolati principali che vengono filtrati, ci sono due tipi di pulizie che sono necessarie. La rigenerazione pulisce la fuliggine convertendo il carbonio in anidride carbonica e la cenere viene rimossa rimuovendo il filtro e pulendolo in una macchina con aria compressa.

Come rigenerare un filtro antiparticolato

Rigenerazione passiva

La rigenerazione passiva si verifica quando l’auto viaggia a velocità su lunghi viaggi in autostrada, il che consente alla temperatura dei gas di scarico di aumentare a un livello superiore e bruciare in modo pulito la fuliggine in eccesso nel filtro.

Quindi si consiglia ai conducenti di dare regolarmente al loro veicolo diesel una buona corsa da 30 a 50 minuti a velocità sostenuta su un’autostrada o una superstrada per aiutare a pulire il filtro. Tuttavia, non tutti i conducenti fanno questo tipo di guida regolarmente, motivo per cui i produttori hanno progettato una forma alternativa di rigenerazione.

Rigenerazione attiva

Rigenerazione attiva significa che carburante extra viene iniettato automaticamente, quando un filtro raggiunge un limite predeterminato (normalmente circa il 45%) per aumentare la temperatura dello scarico e bruciare la fuliggine immagazzinata.

Tuttavia, possono verificarsi problemi se il viaggio è troppo breve, poiché il processo di rigenerazione potrebbe non essere completato completamente. In tal caso la spia continuerà a segnalare che il filtro è ancora parzialmente bloccato. In tal caso dovrebbe essere possibile completare un ciclo di rigenerazione e spegnere la spia di avvertimento guidando per circa 10 minuti a velocità superiori a 60 km/h.

  • Saprai se la rigenerazione attiva si sta verificando dai seguenti sintomi:
  • Modifica della nota del motore
  • Ventole di raffreddamento in funzione
  • Un leggero aumento del consumo di carburante
  • Velocità al minimo aumentata
  • Disattivazione dello Stop / Start automatico
  • Un odore caldo e acre dallo scarico.

Sostituzione di un filtro antiparticolato

Quando si sostituisce un DPF, vi sono tre opzioni disponibili: OEM, usato e rigenerato.

Filtri OEM

Un DPF OEM o produttore di apparecchiature originali proviene dal produttore originale del veicolo, il che significa che soddisfa le certificazioni richieste per quell’anno e modello di emissioni del motore, ma tendono ad essere piuttosto costosi e potrebbero non essere sempre disponibili per l’acquisto.

Clone

Un filtro clone può provenire da una serie di fornitori che hanno replicato il filtro. I filtri clone sono in genere meno costosi dei filtri OEM e ci sono più opzioni tra cui scegliere, ma non hanno gli stessi standard di efficienza richiesti nei DPF OEM. Inoltre, le prestazioni del DPF possono essere ostacolate.

Rigenerati

I DPF rigenerati sono substrati riutilizzati che erano in un altro veicolo, ma sono stati puliti e certificati e dovrebbero fornire lo stesso livello di aspettativa di vita di un DPF OEM. I DPF rigenerati sono le meno costose di tutte le opzioni di sostituzione DPF, ma sono vietati in alcuni Paesi.

Leave a Reply