Quanto tempo ci vuole per caricare una macchina elettrica?

La maggior parte dei conducenti di auto elettriche si ricaricano ogni volta che le si parcheggia, sia a casa durante la notte o durante il giorno al supermercato, in palestra o sul posto di lavoro. Questo si chiama ricarica. Invece di lasciare che la batteria si scarichi e aspettare che si ricarichi completamente, i conducenti sfruttano il tempo in cui la loro auto è parcheggiata (che è circa il 95% del tempo) per mantenere la batteria carica. I punti di ricarica pubblici e sul posto di lavoro variano sono ideali per la ricarica.

Il tempo di ricarica con i caricatori veloci

Capire esattamente quanto tempo ci vuole per caricare un’auto elettrica è come chiedere “quanto tempo ci vuole per attraversare il paese?” Dipende se sei in aereo o a piedi. Il tempo di ricarica dipende da una serie di variabili, molte delle quali sfumate – anche la lunghezza del cavo di ricarica può influenzarlo – che rendono impossibile fornire una risposta precisa. Ma possiamo darti alcune linee guida affidabili.

Per la ricarica più veloce possibile, ti consigliamo di collegare un caricabatterie rapido. Questi sono l’equivalente elettrico del riempire un barile con una manichetta antincendio. Una corrente letale certificabile di alimentazione in corrente continua viene pompata nella batteria dell’auto e km di autonomia vengono aggiunti in breve tempo.

I caricatori rapidi sono dunque il modo più veloce per caricare il tuo veicolo elettrico, fornendo 90-300 km di autonomia in 20-30 minuti. I punti di ricarica domestici in genere hanno una potenza nominale fra 3 kW e 7,5 kW o giù di lì (i punti di ricarica oltre i 10 kW richiedono alimentazione trifase, che è più rara e costosa da installare). Tutte le auto elettriche possono ricaricarsi su punti di ricarica compatibili con una velocità di ricarica massima superiore a quella che possono gestire.

C’è un malinteso comune che la cosa che si collega a un’auto elettrica sia il “caricabatterie”, quando in realtà c’è un caricabatterie nell’auto che converte l’elettricità AC dal muro in CC per caricare la batteria. I caricabatterie integrati trasferiscono la potenza nel pacco batteria in modo sicuro e hanno le proprie potenze nominali, tipicamente in chilowatt. Se un’auto ha un caricabatterie da 10 kW e una batteria da 100 kWh, in teoria occorrerebbero 10 ore per caricare una batteria completamente scarica.

Per misurare il tempo di ricarica ottimale di un veicolo elettrico specifico, dividi il numero di kWh della capacità della batteria per la potenza nominale del caricabatterie integrato, quindi aggiungi il 10 percento alle perdite associate alla ricarica. Questo ovviamente presuppone che la fonte di alimentazione possa massimizzare i caricatori.

Quando lo stato di carica della batteria del veicolo è inferiore al 20 percento o superiore all’80 percento, la velocità di ricarica di un caricabatterie rapido CC rallenta notevolmente; questo ottimizza la durata della batteria e limita il rischio di sovraccarico. Questo è il motivo per cui, ad esempio, i produttori affermano spesso che la ricarica rapida ti porterà all’”80% in 30 minuti”.

L’ultimo 20 percento potrebbe raddoppiare il tempo in cui sei collegato al caricabatterie rapido. L’affare dispendioso in termini di tempo di riempire completamente la batteria tramite un caricabatterie CC li rende meglio utilizzati in quei giorni in cui si ha l’ansia di superare l’autonomia della propria auto o quando si è in viaggio e si ha bisogno di fare rifornimento per raggiungere la destinazione. La ricarica a casa durante la notte è una soluzione migliore per ottenere l’energia di cui hai bisogno per la guida locale quotidiana.

I caricatori di bordo tipici sono almeno 6,0 kilowatt, ma alcuni produttori offrono quasi il doppio. La bellezza di una fonte di elettricità ben accoppiata e di un caricatore di bordo è che puoi collegare il tuo veicolo elettrico a casa con una batteria quasi scarica e avere un destriero completamente carico che ti aspetta al mattino. È inoltre possibile trovare i tempi di ricarica approssimativi su alcuni siti Web dei produttori di veicoli elettrici.

Senza dubbio un giorno i produttori si accontenteranno di un’unica metrica per esprimere i tempi di ricarica. Ma per ora, sappi che il riempimento della batteria di un veicolo elettrico richiede ancora molto più tempo rispetto al rabbocco del serbatoio di un’auto alimentata a carburante tradizionale, indipendentemente da come o dove lo fai.

Fattori che influenzano la velocità di ricarica

Ignorando alcune delle variabili minori, il tempo di ricarica di un veicolo si riduce a due fattori principali: la fonte di alimentazione e la capacità del caricatore del veicolo. Le condizioni ambientali giocano un ruolo minore, con temperature estreme sia fredde che calde che si aggiungono al tempo di ricarica.

Più in generale, ci sono 5 fattori principali che influenzano il tempo necessario per caricare un veicolo elettrico.

  • Dimensioni della batteria: maggiore è la capacità della batteria del veicolo (misurata in kWh), più tempo sarà necessario per la ricarica.
  • Stato della batteria (vuoto o pieno): se stai caricando da vuoto, la ricarica richiederà più tempo rispetto a quando stai ricaricando dal 50%.
  • Velocità di ricarica massima del veicolo: puoi caricare la batteria di un veicolo solo alla velocità di carica massima che il veicolo può accettare. Per esempio; se la velocità di ricarica massima del tuo veicolo è 7kW, non ricaricherai più velocemente utilizzando un punto di ricarica da 22kW.
  • Velocità di ricarica massima del punto di ricarica: il tempo necessario per la ricarica sarà anche limitato dalla velocità di ricarica massima del punto di ricarica che stai utilizzando. Per esempio; anche se il tuo veicolo può caricare a 11kW, si caricherà solo a 7kW su un punto di ricarica da 7kW.
  • Fattori ambientali: una temperatura ambiente più fredda può richiedere un tempo leggermente più lungo per la ricarica, in particolare quando si utilizza un caricabatterie rapido. Temperature più basse significano anche che i veicoli sono meno efficienti, quindi vengono aggiunte meno miglia per ogni ricarica.

Efficienza e autonomia delle auto elettriche

Combinare la ricarica diurna con la ricarica notturna a casa è un modo efficace per mantenere la tua auto elettrica carica e pronta a partire. I conducenti di auto elettriche in realtà non si preoccupano molto del tempo necessario per ricaricare da vuoto a pieno. È più utile per loro sapere quanti chilometri di autonomia avranno quando si collegano per ricaricare.

L’autonomia oraria varia a seconda dell’efficienza della tua auto. Le piccole auto elettriche a batteria piena sono le più efficienti e ottengono circa 50 km di autonomia all’ora con una ricarica di 7 kW. Le più grandi auto elettriche a batteria completa (sono più pesanti e hanno un’autonomia di circa 30 km all’ora a 7 kW. Gli ibridi plug-in sono generalmente meno efficienti dei veicoli elettrici a batteria completa.

L’efficienza di un’auto dipende anche da fattori ambientali come la temperatura. Ciò significa che le auto elettriche sono più efficienti e hanno un’autonomia leggermente migliore in estate che in inverno. Come tutte le ricariche, il flusso elettrico viene ridotto quando lo stato di carica della batteria del veicolo è basso o alto. E la capacità dei veicoli di accettare la ricarica in CC varia notevolmente.

Leave a Reply